Una storia X

C'erano una volta tre amici che volevano andare a vedere Inter-Milan a S.Siro. Uno di questi amici, Mr. B. dice agli altri che conosce una banca a Roma dove acquistare i biglietti prima di tutti perchè questa banca apre prima delle altre. Mr. T. e Mr. M., sono d'accordo e dicono di far loro sapere se tutto andrà come programmato. Purtroppo la storia ci insegna che nulla va mai come ci si aspetta. Mr. B. nonostante abbia lavorato fino all'1.30 di notte al computer per un'importante questione, alle 7.20 del mattino è già fuori di casa alla volta della famigerata banca che sta esattamente dall'altra parte della città. Purtroppo una volta giunto si sente dire che i biglietti non sono disponibili, ma Mr. B. non si arrende perchè vuole davvero andare a vedere il derby, e sa quanto i suoi amici ci tengano, così si rimbocca le maniche e rimbalza da una parete all'altra della capitale, di banca in banca nella speranza che qualcuno lo possa aiutare. Purtroppo l'unica cosa che ottiene è di sapere che per colpa di pochi tifosi imbecilli, le Autorità hanno deciso di vendere i biglietti soltanto all'interno della regione Lombardia. Sconsolato manda un sms a Mr. T. per non svegliarlo perchè sa che lavora fino a tardi e chiama Mr. M. che sa essere già al lavoro.
Mentre chiama si ricorda che Mr. M. la volta precedente gli aveva ricordato che sua sorella lavora a Milano e nel caso ci fossero stati dei problemi avrebbero potuto rivolgersi a lei.
Subito allora Mr. B. dice a Mr. M. che l'unica speranza rimane appunto la sorella di Mr. M. il quale dopo aver imprecato per il mancato acquisto dei biglietti dice di essere d'accordo.
Poi aggiunge che però non aveva tempo per telefonarle perchè era oberato di lavoro e l'avrebbe dovuto fare Mr. B. . Mr. B. però spiegò di essere imbarazzato nel chiamare la sorella dell'amico che non era solito sentire e che non aveva mai sentito in precedenza per domandarle un simile favore, quindi disse all'amico Mr. M. che non se la sentiva e che confidava che in tutta la giornata avrebbe trovato lui 30 secondi per fare la richiesta alla sorella. Mr. M. seccato disse che quasi certamente non avrebbe chiamato la sorella per mancanza di tempo e riagganciò.
A quel punto Mr. B. ricevette la chiamata di Mr. T. e gli raccontò quanto accaduto. Anche Mr. T. concordò con Mr. B. sul fatto che sarebbe stato meno imbarazzante per tutti che fosse stato Mr. M. a contattare la propria sorella perchè loro due con lei non avevano rapporti.
Infine un raggio di sole in una giornata buia. Mr. T. riesce a comprare i biglietti direttamente dal sito dell'Inter. La notizia viene subito comunicata a Mr. M. che però non risponde perchè come abbiamo visto è sommerso di lavoro.
Cala di nuovo il buio. Una volta a casa Mr. T. fa notare a Mr. B. che Mr. M. su msn ha questo messaggio personale e con questi caratteri: "CI SONO PERSONE CHE CONFONDONO L'AMICIZIA PER UN BANCOMAT E SI FANNO VIVE SOLO PER CHIEDERE, CHE AMAREZZA". Mr. T. avanza l'ipotesi che il messaggio sia proprio per Mr. B., il quale pensa possa proprio essere così.
Mr. B. prova a contattare Mr. M. per delle spiegazioni, lui però non risponde, nemmeno a Mr. T., il motivo può essere solo uno: è talmente impegnato che ha solo il tempo di insultare gratuitamente le persone ma non quello per spiegare i motivi per cui lo fa.
Questa storia non ha un finale perchè Mr. B. e Mr. T. non hanno ancora avuto modo di sentire Mr. M. e perchè Inter-Milan non è ancora stata disputata.
Questa storia non ha nemmeno una morale perchè Mr. B. non è mai stato un moralista e Mr. T. tantomeno. Forse Mr. M. è un moralista e quindi probabilmente il finale vorrà scriverlo lui.
Share this article :
 

+ commenti + 5 commenti

ClaudioT.
10 dicembre 2007 15:20

Questo Mr M. oltre ad averci insegnato l'amarezza, fa in modo che non ci dimentichiamo mai di essa. Se questo è un uomo

MISTER M.
10 dicembre 2007 20:51

il finale è che siete due teste di minchia e che il messaggio era stato messo giovedì in risposta ad una richiesta di contante da parte di Mr. D.
inoltre Mr.M ha chiamato la sorella ma il cell era spento e siccome è stato oberato di lavoro dalle 9 e 30 fino alle 17 e 30 senza nemmeno poter mangiare, ha risposto a quell'ora a Mr.B con una telefonata, ovvero di persona, quindi i due signori Mr.B e Mr.T sono pregati di andarselo a prendere nel culo in quanto emestruati del cazzo.
Aspetto giustificazioni scritte a frasi sì false e tendenziose

Mister Dema
10 dicembre 2007 21:00

Mai chiesto soldi a Mister M

10 dicembre 2007 21:13

FALSO, SEI FALSO, CHE UOMO PICCOLO MA SOPRATTUTTO CHE AMAREZZA......

la redazione
10 dicembre 2007 21:18

naturalmente ce l'ha con il dema. Vi preghiamo di continuare questa discussione nell'ultimo post in ordine cronologico.

Posta un commento
 
Support : Creating Website | Johny Template | Mas Template
Copyright © 2011. hofattotardi - All Rights Reserved
Template Created by Creating Website Published by Mas Template
Proudly powered by Blogger