Dal dentista

Intanto le sale d'attesa dei dentisti puzzano tutte di pacato terrore. Non che ne abbia frequentate molte, ma quel paio che ho visto o le trovi vuote o con due o tre persone che ti salutano appena entri con un sorriso isterico, della serie "l'unione fa la forza". Che poi la vera attesa è prima, da quando chiami e prendi l'appuntamento, anche se sai che è solo un controllo cominci ad avere paura: e se mi trova una carie? E se mi deve trapanare ovunque? Magari ho sfiga e devo togliere tutti i denti. Insomma le pensi sempre tragiche anche se non hai nessun dolore. Io almeno sono così, piuttosto di andare dal dentista preferirei andare a cena con Pasquale Laricchia e una delegazione di Amici di Maria De Filippi. No forse ho esagerato, gli Amici della De Filippi sono davvero troppo, meglio il dentista.
Comunque entro:
-Ciao Alessandro, come va? E' un pò che non ci vediamo?
-Eeee, bene, insomma, stavo meglio a casa, ma eccomi qua. Lei, tu?
Non so mai se dargli del tu o del lei, primo perchè è giovane e secondo perchè mi mette le mani in bocca, più confidenza di così non si può.
-Facciamo un controllo, la pulizia e poi sei tranquillo.
Ecco, penso, me l'ha tirata! Sono spacciato.
-Ok.
-Apri grande.
Si, lui per dire apri la bocca dice "apri grande", per chiudere "chiudi stringi". Ognuno ha le sue, io dico "prosciutto chiaro" e "prosciutto scuro", quindi non giudico di certo per questo.
Fatto sta che comincia la visita, silenzio, io lo fisso negli occhi per captare ogni possibile pensiero, ma niente, vedo solo concentrazione, poi ad un certo punto vedo il sopracciglio destro che gli si inarca come ad Ancelotti e sento che da sotto la mascherina parte un "mmm". Cazzo penso, sono fottuto.
-Vedi Alessandro, i tuoi denti sono perfetti, sanissimi.
Penso che sono strafottuto.
-Però...
Visto cazzo che avevo ragione, però cosa?
-Però c'è una carietta!
Che cos'è una carietta? Una carie sfigata perchè l'abbiamo beccata subito? Si.
-La eliminiamo in un attimo, diciamo che è allo stato embrionale.
Allo stato embrionale? Cos'è in un mese? E se è in tre? Come facciamo? Chi glielo dice alla Chiesa delle carie?
-Però vedo che hai anche la gengiva un pò irritata, quindi devo farti un trattamento disinfiammatorio, e questo ti farà, forse un pò male.
E siamo a due "però" e il secondo fa pure più male del primo.
-Capisco. E' necessario farlo? Nel senso, se curiamo la "carietta" l'infiammazione non passa da sola? Oppure non possiamo aspettare di vedere cosa succede e decidiamo poi?
Almeno un pò provo a buttar giù una difesa, per quanto sommaria ma pur sempre una reazione.
-Sei tu che decidi. Io però ti consiglio di intervenire facendo tutto, evitando possibili rischi in futuro, magari complicanze più gravi. Sarebbe un peccato, ma sta a te decidere.
Poi fa lo scorretto, prende un modello in plastica di una mandibola e inizia a dirmi che quella è la mia bocca, alla fine dopo un volo pindarico di possibilità cosmiche, improbabili, difficili, previsioni da qui a dieci anni, conclude toglienodo un paio di denti e dice che se non faccio quello che dice, tra dieci anni o forse prima potrebbe finire così.
-Ok facciamolo, basta che metti via quella roba.
Alla fine il dentista ti frega sempre, anche con le cariette. Figuriamoci con una carie vera!
Ma soprattutto dov'è finita l'infermiera con la gonna corta che c'era l'ultima volta?
Share this article :
 

+ commenti + 2 commenti

Anonimo
2 novembre 2008 22:53

e dov'è finita graziela?? (con una "L" sempre per quel piccolo difetto di pronunzia del nostro dentista). Comunque leggendo questo post ho riso tantissimo. Confermo che corrisponde alla realtà. è un cane!! Le trova tutte per far trattamenti dolorosi!!!Lui è stato uno dei motivi per cui mi sono trasferito in Francia.

Dema

3 novembre 2008 01:06

Avrà i miei soldi ma la gioia dell'esilio non gliela concederò mai!

Posta un commento
 
Support : Creating Website | Johny Template | Mas Template
Copyright © 2011. hofattotardi - All Rights Reserved
Template Created by Creating Website Published by Mas Template
Proudly powered by Blogger